D'Aversa

Sampdoria-Inter, D’Aversa: “Forse meritavamo di più”

Roberto D’Aversa nel post partita di Sampdoria-Inter, match della terza giornata della Serie A 21/22

L’allenatore della Sampdoria Roberto D’Aversa, al termine del match pareggiato per 2 a 2 contro l’Inter, e valevole per la terza giornata della Serie A 21/22, ha raccontato le sue impressioni sul match del Ferraris ai microfoni di DAZN.

“Siamo partiti molto forte, ci siamo trovati sotto per un gran gol di Dimarco. Recuperare il doppio svantaggio contro la squadra Campione d’Italia non era facile, la squadra ha fatto una grandissima prestazione e il pareggio ci stava, forse avremmo meritato qualcosa in più: va fatto un applauso ai ragazzi.”

Quagliarella e Caputo: “Sono due giocatori forti e competitivi, qualche difficoltà potrebbero averla per sacrificarsi nella prima fase di pressione ma oggi si sono ben comportati anche sotto quell’aspetto, come tutto il collettivo. È importante il risultato di oggi perché ci fornisce grande convinzione nei nostri mezzi”.

Sulla metodologia di gioco della squadra: “Il baricentro lo determinano le pedine in campo e che hai a disposizione; tra il primo e il secondo anno in A c’è stata grande differenza. Se nel primo avevo Bruno Alves e quindi dovevo tenere una linea maggiormente bassa per non lasciare il campo aperto dove sarebbe potuto andare in difficoltà, qui il baricentro è più alto anche per favorire un immediato recupero e la velocizzazione per puntare la porta. La bravura è nei giocatori che ti permettono di condurre in questo modo il gioco”.

Su Damsgaard: “È un giocatore che può determinare le partite, ha tanta qualità. Dal punto di vista tattico ha giocato sotto le due punte, più internamente, avendo fatto gli Europei non ha fatto la preparazione fisica ed è normale che non ci sia brillantezza atletica. È un giocatore importante e deve per questo migliorare in alcuni aspetti, come nell’occasione che l’ha portato a perder palla in mezzo al campo in una zona non sicura, premesso che poteva esserci fallo”.