inter-milan-coppa-italia-tv-1200x675

Nuovo Stadio, Inter e Milan non vogliono perdere altro tempo: torna con prepotenza l’idea Sesto San Giovanni

Inter e Milan hanno fretta di avere il nuovo stadio

A quasi mille giorni dalla presentazione dei progetti iniziali (Manica-CMR e Populous poi vincitore), nuovo capitolo sullo stadio di Inter e Milan. Le due società, secondo la Gazzetta dell Sport, sono stanche ed esasperate dalla perdita di tempo del Comune di Milano derivante anche dalla trafila burocratica, e per questo torna prepotentemente di moda l’idea di uno spostamento a Sesto San Giovanni.

“Il progetto del nuovo stadio a San Siro si è arenato, fra lungaggini burocratiche, necessità di un confronto pubblico e incertezze dei due club che non sono disposti a spendere altri milioni in nuovi studi di fattibilità senza garanzie. Inter e Milan si sono detti disponibili al dibattito necessario per legge, ma per arrivare al dibattito è necessario presentare nuovi progetti, che per ora non sono stati disegnati. I tempi si allungano e i due club milanesi si guardano intorno”.

Nuovo stadio Inter Milan populous
Nuovo stadio Inter Milan populous

“L’alternativa più probabile è quella dell’area di Sesto San Giovanni dove sorgevano le acciaierie Falck. Si tratta di una vecchia idea, accarezzata già in passato: finora non si hanno notizie di contatti diretti fra i dirigenti di Inter e Milan e il sindaco di Sesto San Giovanni, ma nei prossimi mesi la vicenda del nuovo stadio potrebbe subire una svolta che pareva impensabile prima della pandemia”.

“Pur affezionati al vecchio impianto, i manager sono costretti e convinti a guardare avanti per risalire la china anche in Europa ed essere in grado di sostenere ad armi pari la battaglia con i top club. E se un accordo non si troverà, resterà San Siro immenso e vuoto, senza una forma di vita calcistica e sportiva accanto. E questo è lo scenario che nessuno vorrebbe prendere in considerazione, per questo occorre stringere i tempi e trovare una soluzione moderna che si addica alla città e ai club”.

(fonte: Gazzetta dello Sport)