Sensi

CdS – Inter, Sensi infastidito per le critiche dei giorni scorsi

Stefano Sensi non ha prese le critiche nei suoi confronti dei giorni scorsi

Convocato da Mancini per i tre match di qualificazione ai Mondiali in Qatar2022, Stefano Sensi non ne ha disputato nemmeno uno. Contro Bulgaria e Svizzera è andato in tribuna, mentre con la Lituania, dove era pronta una maglia da titolare per lui, ha lasciato in anticipo il ritiro a causa di alcuni problemi fisici.

Il giocatore ha rassicurato sulle sue condizioni attraverso i social attirando le critiche di diversi giornalisti e pure dello stesso Mancini che sperava di averlo a disposizione per l’ultima delle tre partite in programma. “Le critiche social che lo hanno investito dopo l’addio anticipato al ritiro azzurro non gli sono piaciute. Il messaggio lanciato attraverso Instagram nel primo pomeriggio di mercoledì certo non lo ha aiutato («Ragazzi non è nulla. Ci vediamo domenica allo stadio» rivolto ai tifosi dell’Inter che gli chiedevano lumi sulle sue condizioni), ma al netto della delusione che poteva avere dopo essere finito due volte in tribuna contro la Bulgaria e la Svizzera, se fosse stato al 100% difficilmente avrebbe rinunciato a giocare un match ufficiale (non un’amichevole…) nella quale sarebbe stato titolare al posto di Jorginho”.

Sensi
Sensi

Martedì un piccolo fastidio al polpaccio lo ha avvertito. Se avesse avuto davanti a sé la finale dell’Europeo avrebbe giocato? Pressoché scontato. Al tempo stesso però, a suo giudizio, rischiare un nuovo infortunio dopo un calvario di quasi due anni, non avrebbe avuto logica. Lo stesso pensiero lo ha avuto lo staff medico dell’Italia e così è rientrato a Milano con un giorno d’anticipo”.

(fonte: Corriere dello Sport)