Joaquin Correa

Inter, per l’attacco è corsa a due: Thuram e Correa si contendono il posto nella squadra di Inzaghi

L’Inter alla ricerca di un rinforzo in attacco

Come chiarito da Inzaghi nel corso della conferenza stampa di ieri, l’Inter farà un altro colpo in attacco. Le strade portano a due nomi su tutti: Marcus Thuram e Joaquim Correa. Ecco il punto della situazione fatto dalla Gazzetta dello Sport in edicola oggi.

“Di certo, in queste ore c’è anche un sottile lavoro diplomatico dell’a.d. Beppe Marotta e del d.s. Piero Ausilio: se Thuram serve in parte a stanare il presidente Lotito e ad abbassare le sue pretese, Correa è una carta potente per accelerare la trattativa con il Borussia Moenchengladbach”.

THURAM – “La grande manovra di avvicinamento è, però, partita: i bonus saranno decisivi, assieme al pensiero del figlio di Lilian che ha una voglia matta di tornare a vivere in Italia e di competere per la Serie A come toccò a suo padre. Lo aspetterebbe un contratto fino al 2026 da 3,5-4 milioni, con un grande assist dal Decreto Crescita. A differenza del “Tucu” che già abita nel nostro campionato, Thuram usufruirebbe del vantaggio fiscale visto che proviene da una lega diversa: al lordo il suo stipendio costerebbe molto meno degli altri”.

CORREA – “Il problema è che Lotito lo valuta ancora una quarantina di milioni e si fa forte dell’interesse dell’Everton. La disponibilità finanziaria del club inglese è nota, ma è altrettanto vero che il giocatore è attratto dalla prospettiva di poter giocare in Champions con Inzaghi. Nonostante questa base di partenza favorevole, però, lo scoglio economico al momento è grosso. Tocca a Lucci tenere i contatti, visto che Lotito è ancora indispettito dalla fuga di Inzaghi verso Milano. Ed i rapporti tra i due club, che da tempo sono molto tesi, non aiutano certo a trovare un punto d’incontro. Tradotto: per ora la candidatura di Correa resta dietro”.