Alessandro Antonello

Antonello nel board dell’ECA: ruolo più operativo rispetto a quello che era di Steven Zhang

Alessandro Antonello nel board dell’ECA

Dopo essere rientrata a far parte dell’ECA, nella giornata di ieri l’Inter ha visto eleggere Alessandro Antonello nel board della stessa organizzazione. L’edizione odierna di Tuttosport, spiega come mai ad essere stato eletto sia l’amministratore delegato corporate e non il presidente Steven Zhang, come era invece prima dell’uscita in seguito alla creazione della SuperLega.

“L’Inter, fino alla scorsa primavera, era rappresentata da Steven Zhang che diede le dimissioni dopo il lancio ufficiale della competizione durata appena 48 ore. Come Andrea Agnelli che era il presidente dell’Eca ed è ancora legato al progetto insieme a Real Madrid e Barcellona. Nel consiglio, tra i protagonisti del nostro campionato, era rimasto solo il proprietario della Roma, Dan Friedkin. Adesso la tendenza si inverte con la nomina di Antonello che politicamente non vale solo in ambito Eca, ma anche nei rapporti con la Uefa, visto il sodalizio sempre più stretto tra Nasser Al-Khelaifi, presidente dell’Eca, e il numero uno di Nyon, Aleksander Ceferin”.

“La nomina di Antonello dimostra che l’Inter ha completamente abbandonato ogni proposito di tornare alla carica con la SuperLega, un’idea che per alcuni continua a scorrere come un fiume carsico pronto a riemergere. C’è un altro particolare interessante. Ad aprile è stato Zhang a lasciare, adesso non rientra il proprietario nerazzurro, ma uno dei due amministratori delegati dei Campioni d’Italia. I più maliziosi potrebbero intravedere in questa dinamica un’ulteriore dimostrazione del progressivo disimpegno della proprietà cinese”.

“In Viale della Liberazione spiegano che in realtà la motivazione è differente. È stato eletto Antonello perché l’Eca in questa fase preferisce figure manageriali più operative, mentre Zhang sarebbe stato soprattutto il rappresentante della proprietà (pur essendo il presidente nerazzurro dotato di ampie deleghe)”.

“La ritrovata presenza dell’Inter nel governo dell’Eca viene letta anche come la conferma dei buoni rapporti tra Ceferin e la famiglia Zhang. In quest’ottica i vertici di Suning rappresentano un ponte calcistico tra Europa e Cina, un legame fotografato alla perfezione dall’immagine di tre anni fa che ritraeva Steven e Jindong Zhang insieme a Ceferin e Jack Ma a Shanghai per l’annuncio dell’importantissima sponsorizzazione di Alibaba all’Uefa”.

(fonte: Tuttosport)